RAFFONE ASSOCIATI

raffo

1.Quali le esperienze istruttive della tua formazione?

Il corso di Composizione Architettonica V, l’apprendistato da Nicola Pagliara, il pensiero critico di Adolf Loos, l’insegnamento, lo studio, il confronto, i viaggi e la vita.

 2. Quale il progetto al quale più si avvicina il tuo fare architettura?

Non so dirlo; mi piacerebbe la casa del contadino.

3.Puoi definire la tua filosofia progettuale o pensi sia troppo prematuro?

È semplice: partire dai dati noti per scoprire la soluzione che è sempre un’incognita.

4.Come nasce il tuo progetto? Che peso ricoprono analisi e intuizione?

Ogni progetto nasce dalla profonda conoscenza del COSA e dall’OSSERVAZIONE in opposizione all’IMITAZIONE praticata dalle Accademie di Belle Arti e tornata in auge in molta progettualità contemporanea. Attribuire priorità con un’attenta operazione di selezione favorisce l’intuizione, cioè la possibilità d’identificare collegamenti inattesi con quanto si conosce.

5.La restituzione grafica è affidata alle tecniche digitali. Lo schizzo, lo studio dimensionale sui plastici, ritieni siano pratiche obsolete o ancora essenziali?

L’intero processo progettuale – dal primo approccio ai dettagli, con la matita o al CAD – avviene nel confronto di grandezze riducibili alle coordinate x, y, z, quindi con piante e alzati in proiezioni ortogonali che descrivono lo spazio ed i corpi.

6.Quanto influisce il cantiere sul costruito finale?

Il cantiere è parte inalienabile della realizzazione che non ho mai delegato mentre pongo la conoscenza dei fatti costruttivi come uno dei fondamenti del progetto.

7.Pensi i vincoli siano  un valore aggiunto?

Faccio riferimento alla concatenazione dei termini COSTRUZIONE, COSTRIZIONI, TOPOGRAFIA, MISURA quindi i vincoli non sono un valore aggiunto ma un requisito del progetto.

8. Preferisci materiali tradizionali o quelli più vicini all’attuale tecnica delle costruzioni?

Preferisco quelli più idonei ad ogni tema, alla sua economia di costo, di forma e di significato.

9.Si parla di componenti amateriche, materiali rinnovabili. Pensi siano la giusta via da perseguire?

L’architettura è materica quindi le componenti amateriche non possono essere materiali; in ogni caso alle une e alle altre si dovrebbe attribuire un valore morale.

10.Quale il progetto che meglio rappresenta l’attività da te svolta fin qui?

Non so dirlo ma il più ambizioso è il “Tempio islamico cristiano” poi denominato “Casa di Abramo”, un tema senza storia ma che avrebbe fatto storia e che dal 2001 ho invano proposto a ben tre sindaci di Napoli. Un progetto con presupposti identici, è in procinto di essere realizzato a Berlino.

11.Il tema con il quale speri di confrontarti in futuro?

Sono legato al metodo e posso quindi ambire a qualsiasi tema ma mi piacerebbe fare un edificio per favorire la produzione dell’Arte: una casa per un intellettuale, un regista o un musicista.

Annunci