INTERVIEW: NIETOSOBEJANO

dezeen_San-Telmo-Museum-Extension-by-Niento-Sobejano-Arquitectos-18

1.Quando hai deciso di voler diventare architetto?

È stata una decisione tardiva, presa subito dopo la fine del liceo. Non eravamo consapevoli di cosa fosse realmente l’architettura. È stato un processo di apprendimento lento presso la Facoltà di Architettura che ci ha fatto capire e decidere quel volevamo diventare.

2. Quali le esperienze più significative della tua formazione?

Le nostre esperienze più significative erano probabilmente i viaggi per visitare l’architettura e capire come fosse in altre città e paesi.

3.Come nasce un tuo progetto? Che peso hanno analisi e intuizione?

Cerchiamo sempre di interpretare e analizzare il contesto , il luogo , il programma. Ma allo stesso tempo i nostri progetti sono attivati ​​da associazioni mentali inconsapevoli. Siamo legati a ricordi, immagini, impressioni; ad un certo punto si trasformano in una indicazione che ci guida verso un certo percorso. Possiamo chiamiarla intuizione, ma è qualcosa di profondamente legato alle nostre esperienze precedenti.

4.Quanto ha influito il disegno digitale sul modo di lavorare? Che peso ha lo schizzo nella sua maniera di progettare?

Partiamo sempre con schizzi e modelli concettuali. Noi crediamo che l’intero processo: bozzetti, modelli funzionanti, computer e software , modelli professionali , rappresentazioni 3D , dettagli costruttivi, e la costruzione stessa, sono tutte parti di una sequenza non lineare che si alimenta costantemente e dove ogni strumento aggiunge nuovi livelli di informazioni al progetto

5.Quanto la fase di cantiere incide sul risultato finale?

Siamo interessati a un’architettura dove le forme sono direttamente collegati ai sistemi di costruzione e materiali. Ci piace pensare che il risultato finale è sempre una interpretazione di molteplici e apparentemente estranei circostanze che finiscono per somigliare l’un l’altro.

6.Credi che i vincoli siano un limite o un valore da volgere a proprio favore?

È nostra opinione che i vincoli sono spesso un valore positivo. Questo è stato il caso in cui abbiamo dovuto lavorare in ristrette condizioni territoriali o urbane come nel disegno delle coperture nella città di Graz, in un intreccio stretto tra la montagna e la città a San Sebastián , o in edifici storici tutelati come il Museo Moritzburg o l’ampliamento a Joanneum.

7.Preferisci lavorare con il pubblico o con il privato?

In generale , preferiamo i clienti pubblici. Il nostro lavoro si basa soprattutto su programmi culturali che ha avuto inizio in competizioni bandite dalle pubbliche amministrazioni. Ci piace anche lavorare con clienti privati ​​quando il progetto è guidato dall’interesse pubblico e non solo da ragioni puramente economiche o speculative .

8.Come riesci a bilanciare l’uso di materiali tradizionali e quelli più vicini alla recente tecnica delle costruzioni?

Siamo interessati al valore espressivo dei materiali che meglio interpretano l’idea architettonica di base. In alcuni dei nostri progetti questo è avviene per mezzo di materiali tradizionali, in altri con l’uso di tecniche costruttive contemporanee. In molti casi , siamo stati particolarmente interessati a collaborare con artisti (come nella sala Mérida, il Museo di San Telmo, o il Contemproary Art Center), che si trasforma in un processo di costruzione industrializzato.

9.Le risorse rinnovabili. Pensi siano solo un rimedio agli errori del passato o anche una buona maniera per fare architettura?

La società, e noi tutti, siamo ormai consapevoli della necessità inevitabile di incrementare l’uso delle energie rinnovabili e la realizzazione di edifici sostenibili. La richiesta nei confronti dell’architettura è su come implementare queste tecniche di edilizia sostenibile migliorando non solo gli aspetti tecnologici ed ecologici, ma anche la qualità dello spazio architettonico e urbano.

10.Quale il progetto che più ti rappresenta o quello al quale sei più legato?

Probabilmente il Museo Madinat al Zahra, per la sua relazione con la storia passata, per la connessione ad al paesaggio e per la sua volontà di “scomparire”, a differenza di molti esempi recenti di architettura che mettono in risalto la spettacolarità delle forme .

11.Il tema con il quale speri di confrontarti nel prossimo futuro o quali i progetti già in divenire?

Noi interpretiamo la nostra architettura come un dialogo tra memoria e invenzione. Questi due termini apparentemente contraddittori, sono a nostro parere complementari. Essi rappresentano il fondamentale legame dell’architettura contemporanea in relazione al passato.

More info: www.nietosobejano.com

Annunci